Sull’umana precarietà

A tutti coloro ai quali il terremoto ha portato via casa ed affetti

“Fulmini riducano pure in polvere
le nostre dimore sensibili;
noi case animiche edificheremo
con salda tessitura di luce di conoscenza.
E dell’esteriore il tramontare
in sorgere deve trasformarsi
del più interiore dell’anima”.

Rudolf Steiner
Agli amici berlinesi, dall’O.O. 40.

Opere di Marina Sagramora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...